Josef May Nusser

24 febbraio 2020 - Tonio Dell'Olio

Esattamente 75 anni fa, il 24 febbraio 1945, moriva Josef Mayr Nusser. Moriva in un vagone del carro bestiame diretto a Dachau. Moriva perché si era rifiutato di giurare obbedienza a Hitler tra le SS che lo avevano arruolato. Moriva perché cristiano. Moriva in un tempo in cui le coscienze erano assopite e soggiogate. Moriva scrivendo che “l’impellenza di tale testimonianza è ormai ineluttabile; sono due mondi che si scontrano l’uno contro l’altro. I miei superiori hanno mostrato troppo chiaramente di rifiutare e odiare quanto per noi cattolici è sacro e irrinunciabile”. Moriva consapevole del fatto che il suo sacrificio, che lo allontanava definitivamente da sua moglie e da suo figlio Albert, non avrebbe cambiato il destino della storia ma rispondeva che “Se nessuno ha mai il coraggio di dire loro che non è d’accordo con le loro visioni nazionalsocialiste, allora non cambierà mai niente”. Moriva aprendoci gli occhi e spalancandoci il Vangelo. Moriva per ridestare le coscienze di ogni tempo a vigilare sulle degenerazioni ideologiche, sulla violenza dei fanatismi e sulle adesioni acritiche. E mi chiedo: “Moriva? Oppure è stato proprio quel coraggio a renderlo vivo ancora oggi?”.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.34