La lezione del virus

9 marzo 2020 - Tonio Dell'Olio

Un virus è talmente piccolo che nemmeno lo vedi. Anzi, a dirla tutta, è proprio questa sua inconsistenza a renderlo tanto efficace nella sua capacità di contagio. Se si vedesse, tutto sarebbe più agevole. Semplicemente lo eviteremmo. In questi giorni medito sul virus e penso a coloro che spendono tutta la vita a lustrare la propria visibilità. Vivono per quello. È successo, popolarità, fama, riconoscibilità e, a volte sotto il manto ipocrita della modestia, coltivano l'inconfessato desiderio d'essere riconosciuti per strada e nei locali pubblici e di fissare la propria immagine in qualche selfie. Hanno mani e piedi screpolati per quanto hanno provato ad arrampicarsi lungo la ripida parete della carriera magari usando amici e colleghi come sgabello e sacrificando affetti e sentimenti. I peggiori sono quelli che tendono a giustificare ogni cosa con valori alti e ad affermare che il loro è persino una sorta di sacrificio per il bene di tutti. Ne ho conosciuti anche in ambito religioso di quelli che, dopo un'ulcera di gelosia (o di invidia?) perché a un collega era stata riservata la copertina di un magazine o un incarico di prestigio, erano pronti a giurare che l'unico loro intento era la causa, il portare avanti sani principi e valori. E allora fatti virus!

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36