Potevano essere salvati

29 aprile 2020 - Tonio Dell'Olio

"Erano dodici. Morti come muoiono i dimenticati. Trascinati nell'abisso di un continente che volta le spalle. Sette sono affogati in mare. Cinque mentre venivano riportati in Libia. Erano dodici, ma non sono più un numero. Anche i morti hanno diritto a un nome. Ora possiamo darglielo, per sei di loro anche un volto: Omar, Mogos, Hzqiel, Hdru, Huruy, Teklay, Nohom, Kidus, Debesay e i tre Filmon". Comincia così l'articolo della cronaca spietata del naufragio della notte dopo Pasquetta che nessuno doveva sapere e tantomeno raccontare. Come quella di tanti altri barconi sepolti dalle onde del mare. Nello Scavo (Avvenire) ha frugato tra le sue fonti, ha ricostruito la vicenda con il contributo delle dichiarazioni maltesi, libiche e italiane, ha sentito il parere dei giuristi britannici e, nero su bianco, lo riferisce alla nostra coscienza. Ancora una volta è una storia tutta sbagliata perché non è destino ma volontà chiara che condanna a morte la disperazione degli affamati e dei mendicanti di libertà, di respiro, di fraternità. E le parole sono appena sufficienti a raccontare i fatti ma non più a definirli o a rovistare tra le ragioni. Ci rimane un "perchè" in fondo all'anima. Con tanto di punto interrogativo. E l'eco indomabile di quella certezza che rimorde: potevano essere salvati.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36