Tra le corsie di un ospedale turco

7 maggio 2020 - Tonio Dell'Olio

Se è vero che "fa più rumore un albero che cade che un'intera foresta che cresce", è altrettanto vero che, talvolta, anche un albero bello cade in silenzio. Ma noi non dobbiamo permetterlo. Noi tutti dovremmo sentire la vocazione a dare voce alla vita, perché si moltiplichi e diventi pienezza. Come è stato per Murat Dilmener, un medico 78nne di Istanbul caduto vittima del coronavirus domenica scorsa. Era conosciuto come "il medico dei poveri". Sempre accanto a chi occupa i vagoni della terza classe. Nel 2004 subì un pesante processo perché in un ospedale pubblico aveva curato gratuitamente ammalati che non erano nelle condizioni di pagare. Quel che è "peggio" è che dalle indagini risultò che il medico era riuscito a coinvolgere ben 135 colleghi in questo "spreco di risorse pubbliche". Ma anche quelle accuse si rivelarono false e furono tutti assolti. Della comunità cristiana siro-ortodossa, il dr. Murat Dilmener era stato il primo medico cristiano ad essere assunto come professore in una facoltà universitaria turca. I suoi ex studenti e i suoi colleghi lo hanno ricordato con una piccola manifestazione davanti all'ospedale. E io respiro la santità della porta accanto fatta di silenziosa e feconda quotidianità.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36