C'è bisogno di ancora più armi

12 maggio 2020 - Tonio Dell'Olio

Su un giornale specializzato in armi e difesa (armata), ho letto l'analisi di un "esperto" di sistemi bellici e strategie di sicurezza che invita il nostro governo a non cedere alla tentazione di ridurre la spesa in armi a causa della crisi economica generata dalla pandemia in corso, ma piuttosto di predisporre un maggiore e ingente investimento nell'acquisto di nuovi sistemi d'arma. Non cito il giornale e nemmeno il nome dell'esperto perché non vorrei rischiare di fargli propaganda. "Il virus non porta pace, né ci sono indizi che possa ridurre la conflittualità globale – sostiene l'esperto -. Anzi, considerando che il crollo delle economie mondiali che si prefigura vedrà aumentare la povertà è facile ipotizzare una escalation della lotta per le risorse. Questa significa maggiore rischio di conflitti tra Stati ma anche di insurrezioni, secessioni, rivolte etniche e disordini popolari". Quando diciamo che "nulla sarà come prima" non intendiamo dire che sarà "peggio" di prima. La scommessa è che possa andar meglio. E questo dipende inevitabilmente da ciascuno di noi. Se avremo capito che ci sono "nemici" comuni per tutta l'umanità (vedi il minuscolo virus) e se saremo capaci di investire di più su ricerca e sanità, se sapremo diffondere un clima di fiducia e non di minaccia, e se ci persuaderemo piano piano di quanto è vero che non solo stiamo tutti sulla stessa barca ma che dobbiamo remare insieme nella stessa direzione.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36