Ezio Bosso e la necessità della musica

15 maggio 2020 - Tonio Dell'Olio

Poche persone al mondo riuscivano a comunicare vita come Ezio Bosso che da anni aveva un cancro a tormentarlo e, se non bastasse, è subentrata una malattia degenerativa ad affrettarne la morte. Ezio Bosso, 48 anni, non c'è più. Ma ha tracciato solchi sul pentagramma perché lui non è mai stato un esecutore, seppure fine e rigoroso, ma piuttosto un interprete creativo e felice. Uno che la musica la pensava con l'anima e la esprimeva nella gioia. Sembrava che non dirigesse solo con le mani e una bacchetta ma con ogni poro della pelle. Fino all'ultimo. Fino a quando il male che andava occupando spazi e gesti, gli ha lasciato anche solo una possibilità. Dall'ultima intervista con Fausto Pellegrini raccolgo alcune provocazioni: "La musica è una necessità. Come respirare, come l'acqua. La necessità di un musicista è di distribuirla a tutti e far star bene" e poi: "Siamo nati per stare insieme, pur con i dovuti momenti di solitudine". E ancora: "Il potere magico della musica è infinito (…) perché ci rende tutti uguali. Perché ci rende tutti un'unica società che lavora per essere migliore. Perché ci dà speranza. Perché ci rende umani per davvero". E infine: "La musica sussurra e ci svela la vita". Parole da spartito. Grazie Ezio Bosso.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36