Eddie Hawkins

26 maggio 2020 - Tonio Dell'Olio
A me capita spesso di incontrare dei "vecchi giovani" e – ahimè – dei "giovani vecchi". Tra quelli che mi hanno fatto innamorare della prima categoria vi è un signore con la chioma bianca racchiusa in un codino, che oggi compie 90 anni e si chiama Eddie Hawkins. Leader del Folkstudio Singer è nato ad Atlanta a pochi metri dalla casa in cui abitava il pastore Battista Martin Luther King. Eddie non perde occasione per ricordare che suo nonno Albert era nato in condizioni di schiavitù. È forse anche per questo che tra spirituals e gospel, Eddie, nella sua ostinata dolcezza è rimasto fedele al fine di tutta una vita: dare un'anima alla musica, ovvero alla vita. Da Atlanta a Roma nel prestigioso Folkstudio che ha visto passare buona parte della musica d'autore, un giovane e sconosciuto Bob Dylan e tanta musica jazz, approda ad Assisi e in quell'Umbria che ha eletto a sua dimora. "Tutti i miei lavori musicali – racconta Eddie – compresi quelli da cantante singolo, sono stati prodotti dalla Pro Civitate di Assisi. Un luogo che io considero come la mia vera famiglia in Italia, dove è ancora possibile il dialogo tra persone di nazionalità e religioni diverse". Tranne che per la nicchia dei fedelissimi del Gospel, il nome di Eddie Hawkins è sconosciuto ma - ne sono convinto – in maniera più o meno discreta e anonima, tutti abbiamo ricevuto il beneficio di una musica che ha contribuito a dare un'anima, una voce, un respiro alla gioia e al dolore. Alla speranza.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36