Gli appunti di Walter Tobagi

28 maggio 2020 - Tonio Dell'Olio

Sì, ha ragione Roberto Zichittella, Walter Tobagi era un giornalista che sapeva prendere appunti. Uno che la cronaca se l’annotava fino a scolpirla in un quaderno e poi nell’inchiostro della pagina di giornale del giorno dopo oppure, chissà, dopo qualche mese o qualche anno. Perché prendere appunti non è semplicemente utile, è importante. Segna un salutare abbassamento nell'umiltà di chi sa che ha solo e sempre da imparare. È la consapevolezza dell’importanza, ma anche del limite, della memoria. Ed è come lucidare le scarpe alle parole. Le parole sono pietre. E servono per costruire pareti e case e non per essere scagliate contro. Quell'uomo era decisamente di un'altra epoca. Quando i fatti si guardavano negli occhi e stando in piedi e non davanti a uno screen seduti eternamente nell'homeworking. Non si interrogava Google, ma i protagonisti in carne e ossa e, spesso, anche sangue. E si prendevano gli appunti. Come a scuola. La scuola della vita. Sì, in ultima analisi io penso che Walter Tobagi sia un grande giornalista perché prendeva appunti. Anzi penso che addirittura sia stato ucciso solo perché era uno che prendeva appunti. E poi li sviluppava.

                                                                                                  

 

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36