Creare è liberare

29 maggio 2020 - Tonio Dell'Olio

Non c'è opera creativa che non sia nello stesso tempo liberatrice. Non si può dare vita e diventare nel contempo proprietari della vita che si è aiutato a far nascere. "I tuoi figli non sono i figli tuoi - ammoniva saggiamente il poeta libanese Khalil Gibran – sono i figli e le figlie della vita stessa". Quindi persino nell'atto di con-creazione suprema che consiste nel dare alla luce un bambino si deve rinunciare a possederlo. Nella creazione non vi è colonizzazione alcuna ma libertà. Non vi è prigione, condizionamento o plagio perché ne va dell'esito stesso di quanto si è contribuito a creare. E anche la narrazione biblica della creazione procede e avanza per atti di liberazione: dal caos, il cielo e la terra, dalla luce, le tenebre e poi le acque, gli esseri viventi, vegetali e animali. Guai a rivendicarne il possesso. È cosa bella, buona, perché libera. Al centro della piazza antistante la Basilica della Madonna dei Martiri a Molfetta c'è una scultura di Andrea Martini che raffigura una Madonna che sta dinamicamente in piedi sulle onde che si riflettono anche nel moto del suo velo e che è tutta protesa in avanti ad accompagnare il passo di un figlio che prende a camminare mentre lei lo accompagna. Semplicemente lo accompagna.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36