Case e palazzi. E uomini

10 giugno 2020 - Tonio Dell'Olio

Tra le Favole al telefono di Gianni Rodari ce n'è una che si intitola: Case e palazzi. È una favola triste che racconta della visita a un signore anziano ricoverato in una casa di riposo. È un vecchio muratore che al visitatore comincia a sgranare come un rosario tutti i luoghi del mondo in cui da migrante ha lavorato con cemento e mattoni: Nuova York, Buenos Aires, San Paulo e Montevideo. E poi Parigi e Berlino. Quelle impalcature diventano improvvisamente il punto di osservazione per osservare il mondo e la propria vita. Poi, amaramente, conclude: "- Eh, a far case per gli altri sono rimasto senza casa io. Sto al ricovero, vedi? Così va il mondo. Sì, - conclude Rodari – così va il mondo, ma non è giusto". L'ho pensato questa mattina leggendo un servizio sulla "sanatoria" in atto per trovare braccia all'agricoltura e al lavoro domestico. C'era la testimonianza di un signore immigrato che lavora come muratore ed è rimasto escluso dalla misura adottata dal governo. Chiede semplicemente d'essere regolarizzato per poter andare a visitare la sua famiglia che non vede da cinque lunghi anni. Così va il mondo, ma non è giusto.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36