L'indipendenza del Congo

23 giugno 2020 - Tonio Dell'Olio

Sono passati sessant'anni dalla dichiarazione di indipendenza del Congo. Oggi si chiama Repubblica Democratica del Congo e in quella nazione il governo ha messo in piedi una serie di manifestazioni ed eventi per celebrare l'anniversario. Ma è legittimo chiedersi se è davvero democratica quella Repubblica. Come è più che sensato pellegrinare nella fame dei villaggi del Congo con la lanterna dell'intelligenza o della storia, dell'economia o della politica per cercare il significato di indipendenza. Ci sarebbe da chiedersi: “Chi l'ha vista?”. In un Paese tanto ricco di materie prime e di risorse, di umanità e di civiltà, di etnie e di natura lussureggiante è “indipendenza” partecipare al voto per eleggere un presidente ma assistere impotenti e affamati allo sfruttamento di tutte le risorse da parte di multinazionali straniere? Qualcuno se lo chiede e Nigrizia, la rivista dei missionari comboniani, ha lanciato una “maratona” per diffondere l'immagine ufficiale delle celebrazioni dell'Anniversario aggiungendo: “Basta sfruttamento e corruzione; Basta silenzio su 8 milioni di morti; No alla balcanizzazione della R.D. Congo: è tempo di speranza”. E si sa, la conoscenza quanto meno dà una mano alla solidarietà e alla speranza.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36