Morire di lavoro

20 luglio 2020 - Tonio Dell'Olio

Grazie a Toni Mira. Con un articolo su Avvenire, ha rotto il silenzio su un anniversario giudicato minore solo da chi pesa il valore della vita umana con la misura della notorietà o dei soldi. Il 13 luglio 2015 nelle campagne di Andria a 49 anni moriva Paola Clemente. Una giornata intera sotto il sole cocente e con le braccia alzate per l'acinellatura, togliere gli acini più piccoli dai grappoli d'uva. Un lavoro faticosissimo che, al padrone, costava due euro all'ora. Paola non ce l'ha fatta e si è accasciata sotto quel sole e quella fatica. Come spesso succede in Italia è stato proprio a causa dell'impressione suscitata da quella morte che si accelerò l'iter della legge "anticaporalato" 199/2016. Persino tra le vittime c'è una classificazione razziale e la morte di una donna bianca fece più notizia dei tanti stranieri morti prima di lei. Grazie a Paola però, oggi sono molte di più le inchieste sullo sfruttamento del lavoro e prevedono condanne più severe che non quelle amministrative. Il processo di Paola è cominciato solo nel febbraio scorso e la difesa cerca di dimostrare che la morte sia avvenuta a causa di una patologia cardiaca di cui Paola Clemente soffriva e non per le condizioni di lavoro cui era costretta. Alla verità giudiziaria non si arriverà solo a seconda della bravura degli avvocati e della correttezza del giudice, ma anche se l'opinione pubblica riuscirà a seguire con scrupolo. È per questo che ne scriviamo.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36