Auguri Liliana

9 settembre 2020 - Tonio Dell'Olio

Quasi tutte le cose che sono successe nella vita di Liliana Segre non hanno vocabolario per potersi raccontare. Se ne può balbettare più o meno la scorza, ma non la sostanza amara e triste. Come fai a dire il sapore della lacrime e la sensazione del fango che ti arriva alle ginocchia e di Janine che viene condotta alla camera a gas mentre tu non ti volti nemmeno a guardarla e sei contenta in cuor tuo per averla fatta franca un'altra volta? Celebrando con lei i suoi inattesi novant'anni (10 settembre 1930) ripenso al racconto del corridoio di San Vittore attraversato per l'ultima volta prima di raggiungere il binario 21 e il treno piombato di Auschwitz. I delinquenti che erano rinchiusi in quelle celle, al passaggio di quei prigionieri "colpevoli di essere nati", dicevano: "Dove vi portano?", "Voi non avete fatto niente!", "Vi vogliamo bene!", "Coraggio!", "Vi vogliamo bene!", e lanciavano tozzi di pane e avanzi di portata. L'unico sussulto di coscienza, in quel tempo che traboccava odio e indifferenza celebrando la latitanza di umanità, fu di quei ladroni anch'essi in croce. Come vorrei oggi, davanti a Dio, promettere di stare sempre dalla parte di quei delinquenti che con le parole accarezzavano le treccine di una bambina "colpevole d'essere nata" e le offrivano il prezioso tozzo di pane della propria sopravvivenza.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36