L'arcivescovo, l'idraulico e Flores D'Arcais

25 settembre 2020 - Tonio Dell'Olio

"La più elementare e doverosa laicità se la è messa sotto le suole delle scarpe, nominando a presidente della commissione un arcivescovo e "ministro" del Papa". Questa è la conclusione della dura requisitoria di Paolo Flores D'Arcais contro il ministro Speranza, colpevole di aver scelto un arcivescovo di Santa Romana Chiesa a capo della "Commissione per la riforma dell'assistenza sanitaria e sociosanitaria della popolazione anziana". "Possibile che il ministro Speranza – scrive Flores D'arcais - non si renda conto del macigno di conflitto di interessi (fossero anche solo spirituali), tra un importante incarico governativo e il ruolo ancor più eminentemente governativo di Vincenzo Paglia nella compagine di Papa Francesco?". E io francamente resto allibito dalla disinvoltura con cui questo "pioniere del rispetto delle libertà democratiche e della laicità dello Stato" ignori del tutto che Vincenzo Paglia, prima che vescovo e ministro del Papa, è laico e persino cittadino italiano. Resto perplesso per la discriminazione che Paolo Flores D'Arcais opera per difendere la libertà e la pluralità su cui si fonda la Costituzione italiana. Io, che non sono capace di discorsi troppo alti e profondi, se ho bisogno di un idraulico lo cerco tra quelli bravi. Non gli chiedo preventivamente se è credente o ateo, se accetta committenze anche dalla parrocchia del paese e se frequenta la bocciofila dei bestemmiatori. Mi interessa che sia bravo.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36