Il fuorilegge

29 settembre 2020 - Tonio Dell'Olio

Nei giorni scorsi ho incontrato Mimmo Lucano, il coraggioso sindaco di Riace che ha accolto la sfida dell'accoglienza, ovvero ha aperto le porte del suo paese a uomini e donne con tanto di volto e di nome e di storie e sofferenze e sogni. Mi è apparso in modo ancora più chiaro il motivo di tanto accanimento da parte di chi vuole porti, braccia e intelligenze blindate sbattute in faccia a chi bussa alle nostre porte per chiedere pane e dignità. Riace ha costituito un laboratorio riuscito perché ha trasformato i migranti da problema in risorsa. Riace ha gridato al mondo intero che l'accoglienza non è soltanto un valore da vivere ma anche un'opportunità da cogliere. In questo senso i migranti hanno portato vita in un paese svuotato dalle migrazioni della speranza verso l'Argentina prima e il Belgio e la Germania dopo. Hanno creato posti di lavoro e fatto germogliare una nuova economia. Hanno dissolto la macchina della paura che da sempre costituisce l'anima delle teorie protezioniste e chiuse. Era una smentita nei fatti. Solo questa posta in palio – di per sé altissima perché rischiava di sottrarre consenso politico – ha scatenato tanto odio, disprezzo e persecuzione nei confronti di Domenico Lucano che è una persona buona. Il fuorilegge è il titolo impegnativo di un libro che ha voluto scrivere per parlare di persone in carne e ossa e nei quali alcuni vedono solo dei migranti o degli stranieri.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36