Quote

30 settembre 2020 - Tonio Dell'Olio

Nei giorni in cui si sta cercando di rivedere e superare i famigerati accordi di Dublino che costringono le nazioni europee di confine a sopportare il peso maggiore di migranti che approdano sulle loro coste o superano le loro frontiere, ci dobbiamo preparare a sopportare il peso della verità. Vittime della martellante propaganda della paura che ci vuole a tutti i costi come il Paese d'Europa più soffocato dalla "invasione" africana, abbiamo perso di vista la realtà. Un interessante studio di Maurizio Ambrosini, i cui risultati sono stati pubblicati da Avvenire, ci riferisce che se la redistribuzione tra i Paesi EU verrà fatta in maniera proporzionale al numero degli abitanti, all'Italia toccheranno quote aggiuntive di richiedenti asilo. "Delle 675.670 richieste di asilo presentate nell'Unione Europea nel 2019 – Regno Unito ancora compreso – la Grecia ne ha registrate 75.000, l'Italia 35.000. La quota del nostro Paese supera di poco il 5%. I partner più investiti dall'obbligo di accoglienza umanitaria sono risultati nell'ordine la Germania, la Francia e la Spagna, tutte al di sopra dei 100.000 richiedenti". Se andiamo a guardare le percentuali di richiedenti asilo degli anni 2015/2017 in cui il fenomeno è stato particolarmente in crescita, l'Italia aveva 3 o 4 migranti ogni 1.000 abitanti e la Svezia, per esempio, ne ha accolti 25. Persino l'Austria arrivava a 15! Carta canta.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36