BOICOTTA

No Coca-Cola

“In Colombia l'attuale governo, l'esercito, i gruppi paramilitari e le multinazionali come la Coca-Cola – ha recentemente dichiarato Alessandro Pullara della Reboc (Rete di boicottaggio della Coca Cola) – non sono che diversi fili di un intreccio perverso ormai chiaro a tutti”.
Secondo Amnesty International la “guerra sporca”, attuata dai paramilitari con la complicità dell'esercito, si è ulteriormente aggravata nel 2003, dopo l'insediamento di Uribe, con 4.000 civili uccisi, 2.700 persone sequestrate (di cui almeno 1.500 dalla guerriglia e dai paramilitari) e più di 500 persone scomparse.
Tra i morti anche gli otto sindacalisti delle ditte colombiane imbottigliatrici della Coca-Cola.
Dure le dichiarazioni della Reboc in merito alle connessioni tra il governo Uribe e alcune multinazionali e alle responsabilità di quest'ultime nella drammatica situazione colombiana: “L'intreccio tra il Governo Uribe, il paramilitarismo e gli interessi delle multinazionali è qualcosa di più di un sospetto… Chiediamo alla Coca-Cola di mettere fine alla repressione, di risarcire i familiari delle vittime e di sottoscrivere un Codice di Condotta che impegni anche fornitori e sub-fornitori ad assicurare condizioni giuste ai lavoratori. Altrimenti sia l'indignazione mondiale verso gli amici di Uribe sia il boicottaggio dei prodotti Coca-Cola andranno avanti”.

Per info:
http://www.nococacola.info

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36