IRAQ

Torture il Governo italiano sapeva

Una cronologia che attesta come il nostro esecutivo fosse informato di quanto accadeva nelle prigioni irachene a opera delle truppe della Coalizione.
A cura di Amnesty International, sez. italiana

Quella che segue è una cronologia degli interventi effettuati dalla Sezione Italiana di Amnesty International che riepiloga i contatti e gli incontri principali avuti negli ultimi mesi con rappresentanti del Governo in relazione alla situazione dei diritti umani in Iraq. Fatti che attestano come il governo italiano fosse stato informato del trattamento dei prigionieri e dei civili catturati in Iraq dalle forze della Coalizione, delle torture e della violazione delle convenzioni internazionali.

24 marzo 2003: Amnesty International (AI) scrive al Ministro degli Esteri Franco Frattini e al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ponendo dieci specifiche domande volte a responsabilizzare anche l'Italia sulla necessità di rispettare il diritto internazionale dei diritti umani e il diritto umanitario dei conflitti armati. Nessuna risposta da parte del Presidente del Consiglio, il Ministro Frattini accetta di incontrare una delegazione di AI.
4 aprile 2003: in un incontro con il ministro Frattini, AI presenta le proprie preoccupazioni relative al trattamento dei prigionieri da parte degli Stati Uniti, denunciando in particolare la situazione dei detenuti di Guantánamo. Al termine Amnesty International - Rapporto Annuale 2004 dell'incontro, la Farnesina ricorda in un comunicato “il tradizionale impegno dell'Italia nel settore dei diritti umani (?) in particolare per il pieno rispetto delle Convenzioni di Ginevra”.
13 giugno 2003: AI invia al Ministro Frattini e al Presidente Berlusconi un memorandum in vista del semestre di presidenza italiana dell'UE. Tra i punti evidenziati, il problema della tortura e il rispetto dei diritti umani e del diritto umanitario in Iraq.
18 giugno 2003: AI incontra il Ministro Scarante, vice consigliere diplomatico del Presidente del Consiglio, per discutere del memorandum relativo al semestre europeo. Tra i temi trattati, il problema della tortura e il rispetto dei diritti umani e del diritto umanitario in Iraq.
3 luglio 2003: il Sottosegretario agli Esteri Boniver risponde a un'interrogazione parlamentare di un deputato (5-02199) che citava le prime denunce di AI sulle torture in Iraq e chiedeva se non ritenesse di “adoperarsi affinché, nel corso del semestre di Presidenza dell'UE e anche in ragione della presenza di soldati italiani in Iraq,

Lo stato dei diritti umani nel mondo
Diventa sempre più voluminoso l’annuale Rapporto che Amnesty International dedica alla situazione dei diritti umani nel mondo e ciò dipende sì dal numero crescente di Paesi monitorati ma anche, purtroppo, dai casi di violazione che aumentano. In 700 pagine sono denunciate le violazioni dei diritti umani in 155 nazioni: esecuzioni extragiudiziali e uccisioni illegali in 47 Paesi, “sparizioni” in 28 Paesi, torture e maltrattamenti in 132, detenzioni senza accusa o processo in 58, condanne a morte emesse in 63 Paesi.
Quest’anno il Rapporto ha dovuto affrontare il tema della “guerra ai valori globali” che Governi e gruppi armati avrebbero scatenato: infatti, accanto alla condanna degli atti terroristici che hanno insanguinato varie parti del mondo dall’11 settembre in poi, c’è la palese violazione di diritti umani da parte di quei Governi che, in nome della “guerra al terrorismo”, non esitano a restringere le libertà individuali e a operare fuori della legge e delle norme internazionali. E il caso della prigione Usa di Guantanamo Bay è emblematico di come “i principi del diritto internazionale e gli strumenti dell’azione multilaterale che potrebbero proteggerci da questi attacchi vengono minacciati, ridimensionati o distrutti da Governi potenti”. Insomma, dei veri e propri passi indietro sulla via della pace e della giustizia.
Anche l’Italia è sotto esame. Il Rapporto segnala le gravi carenze del sistema giudiziario, il trattamento riservato ai richiedenti asilo e agli immigrati (con riferimento particolare ai Centri di permanenza temporanea), alcuni casi di maltrattamenti a opera della polizia (come avvenuto a Genova durante il G8 del 2001) e le carenti condizioni di detenzione nelle carceri.

Amnesty International
Rapporto annuale 2004
EGA, Torino 2004 – 704 pag.
il Governo assumesse le opportune iniziative per accertarsi sulle condizioni di detenzione dei prigionieri iracheni, e nel caso in cui quanto affermato nel rapporto di AI corrispondesse al vero, quali iniziative intendesse assumere affinché fosse assicurato a tali prigionieri un trattamento rispettoso dei diritti umani e conforme al diritto internazionale”. Il Sottosegretario Boniver cita ampiamente, nella risposta, le denunce di AI.
16 luglio 2003: AI incontra il Sottosegretario agli Esteri Boniver per discutere del memorandum sul semestre europeo. Tra i temi trattati, le preoccupazioni per i casi di tortura e di altre violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario in Iraq.
16 luglio 2003: AI invia nuovamente il memorandum sul semestre europeo al Presidente Berlusconi e ai Ministri Frattini, Maroni, Martino, Giovanardi, Buttiglione, Pisanu, Bossi, Castelli, Marzano, Prestigiacomo, Tremaglia. In risposta, AI riceve una lettera del ministro Frattini che rassicura sull'importanza dei diritti umani nella politica estera italiana e una lettera del Capo di Gabinetto del Ministro Martino che afferma di aver inoltrato la documentazione al ministero degli Affari esteri.
5 agosto 2003: AI incontra l'ambasciatore Castellaneta, consigliere diplomatico del Presidente del Consiglio, per discutere del memorandum sul se mestre europeo. Tra i temi trattati, anche le preoccupazioni per i casi di tortura e di altre violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario in Iraq. In quell'occasione, in particolare, vengono evidenziate le preoccupanti informazioni che AI sta ricevendo dall'Iraq e descritte nel rapporto di luglio, incluso nella documentazione consegnata all'ambasciatore.
27 agosto 2003: AI incontra l'ambasciatore Aragona, direttore generale per gli Affari politici multilaterali e diritti umani del ministero degli Affari esteri. Tra i temi trattati anche le preoccupazioni per i casi di tortura e di altre violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario in Iraq. In quella occasione, in particolare, AI ribadisce ed evidenzia le preoccupanti informazioni che sta ricevendo dall'Iraq e documentate nel rapporto di luglio, incluso nella documenta zione consegnata all'ambasciatore.
gennaio-marzo 2004: AI dialoga con la Farnesina sulla situazione dei diritti umani nel mondo, in vista della imminente sessione della Commissione Onu sui diritti umani. Tra i temi prioritari sui quali viene fornita documentazione, vi sono violazioni compiute dalle forze armate angloamericane su persone sotto loro custodia.
10 marzo 2004: AI viene ricevuta insieme a numerose altre organizzazioni non governative dal Sottosegretario Boniver, per un incontro in vista della Commissione Onu sui diritti umani. In quella occasione, AI non solo ribadisce preoccupazioni e denunce sulla situazione in Iraq, inclusi i casi di tortura, ma si dichiara scandalizzata per la scelta dell'UE di ignorare il problema in sede internazionale e chiede all'Italia di attivarsi in tal senso. L'Iraq è, infatti, rimasto fuori dell'agenda della Commissione Onu sui diritti umani, nonostante i ripetuti appelli di AI.
11 marzo 2004: nell'illustrazione dell'interpellanza urgente 2/01095, presentata alla Camera dei Deputati il 2 marzo, vengono nuovamente riproposte all'attenzione del Governo (rappresentato anche in quella occasione dal Sottosegretario Boniver) le denunce di AI.

Non sopportiamo la tortura
Amnesty International è promotrice della mostra fotografica “Non sopportiamo la tortura”, composta di 15 pannelli che accompagnano il visitatore lungo un percorso che tocca tappe brucianti della nostra recente memoria. Dal Ruanda agli Stati Uniti, dall’Aghanistan al Cile, dalla Cambogia al Brasile, dalla Polonia alla Cina, alcuni dei migliori fotografi al mondo hanno concesso gratuitamente le proprie immagini ad Amnesty International, contro la tortura: Patrick Zachmann, Alex Majoli, Raymond Depardon, Ken Light, James Nacthwey, Gilles Peress.
I fotografi della Magnum hanno idealmente dedicato alla libertà queste vere e proprie opere d’arte dal sapore non solo illustrativo ma storico. Tutte le immagini della mostra e molti altri documenti sono riprodotti nel libro “Non sopportiamo la tortura.” (Rizzoli, Milano 2000), in vendita presso Amnesty International e in libreria.
Un catalogo che descrive le vittime: le loro denunce, le rappresaglie dei governi o dei gruppi non governativi, la loro agonia, il loro riscatto. Raccontarne la storia è un modo per rendere loro, almeno in piccola parte, giustizia.

Per ordinare una copia della mostra fotografica: Amnesty International, Settore Affari Generali. Tel: 0644901
Prigione interno
Ken Light Huntsville, Texas:
celle di lavoro all'interno del braccio della morte Prigione interno, Ken Light Huntsville, Texas: celle di lavoro all’interno del braccio della morte

Ultimo numero

La notte che ha cambiato il mondo
NOVEMBRE 2019

La notte che ha cambiato il mondo

Un dossier dedicato al Muro.
Quel Muro che ha condizionato la storia.
La notte tra il 9 e il 10 novembre 1989 la gente piccona,
distrugge e abbatte il Muro di Berlino.
E finisce un'era, dando inizio a una nuova.
Più sicura?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.29