EDITORIALE

Uccidetemi qui

Tonio Dell’Olio

“Uccidetemi qui, uccidetemi subito. Tanto il mio destino è segnato. Vi risparmio la fatica di rimpatriarmi. Uccidetemi qui”. Lo grida dalle inferiate del recinto di un Centro siciliano un bengalese che da lì a poche ore sarà rispedito al mittente. Me lo testimoniano Tana de Zulueta e Nicoletta Dentico che sono impegnate insieme ad altri parlamentari nel documentare le condizioni di vita delle persone immigrate ristrette nei cosiddetti Centri di Permanenza Temporanea. Una vita condannata a morte? E quante saranno? Chi controlla scrupolosamente che tra i rimpatriati vi siano persone per le quali quel viaggio equivale esattamente a una condanna a morte? Non è forse per scampare alla morte per fame e per persecuzioni che quelle persone affrontano un viaggio della speranza su imbarcazioni di fortuna, affidandosi a persone senza scrupolo, preferendo mettere a repentaglio in quel modo la propria vita che tanto è già a rischio nel villaggio da cui provengono? Sempre più spesso si sente ripetere che tra gli immigrati clandestini possono nascondersi temibili terroristi o kamikaze invasati. Non saprei rispondere sui primi.
Ma coloro che affrontano il mare rischiando la propria vita somigliano tanto ai kamikaze palestinesi mossi dalla disperazione e dalla consapevolezza che non c'è molta differenza tra la morte in mare e la vita di stenti, di umiliazioni, di tortura… cui sono quotidianamente sottoposti. Ma ci siamo mai chiesti come si sentano quelle donne e quegli uomini che dopo le peripezie e i mille pericoli affrontati per approdare sulle nostre coste, poi si vedono sprezzatamente rispediti al mittente? Eppure i volti dei “clandestini” che vengono intercettati al largo delle coste italiane mi paiono sempre più rassegnati. Il rimpatrio forzato dopo un esame molto sommario della loro posizione è un destino ormai segnato. In quei volti è possibile leggere il sapore amaro della sconfitta e della delusione di fronte ad un progetto infranto in un sol colpo, in un attimo. Un progetto costato tutti i risparmi di una vita di lavoro e la sofferenza di un viaggio a rischio della stessa vita.
Ma accanto a tutto questo mi pare oggi vada diffondendosi una sorta di malcelata rassegnazione anche in tanta parte della società civile che nel passato è stata più decisamente schierata al fianco di queste persone la cui dignità va salvaguardata e difesa. Ho come la sensazione che si stia progressivamente abbassando la guardia di fronte alla constatazione inconfessata che tutto sommato le politiche di contrasto all'immigrazione illegale ormai si sono consolidate nella prassi e nella consuetudine del nostro Paese e che non si può sperare di cancellarle o riformarle. No. Io mi ribello. Se il rimpatrio equivale ad una tragica condanna a morte, io mi rifiuto di far parte del plotone di esecuzione e la mia coscienza mi rimprovera se mentre il comandante grida: Fuoco! Io mi giro dall'altra parte o mi tappo le orecchie per non sentire gli spari. Il rumore dei fucili che in un solo colpo stroncano, vita, sogni e progetti… ora si è fatto assordante e riempie l'aria. L'urlo dei condannati trascinati al patibolo è lancinante. Non ci sto a far finta di niente!
Rispetto alle argomentazioni – sottili o grossolane ma tutte rispettabili – che riguardano la sicurezza e il lavoro degli italiani forse dobbiamo provare ogni tanto a ribaltare i punti di vista per guardare a questa sporca faccenda dal punto di osservazione dei disperati. “Bisogna avere in corpo l'occhio del povero” ci ricordava don Tonino Bello, e noi continuiamo a guardare alle guerre, all'economia globale, all'immigrazione, ai diritti umani dai nostri porti e non dalle loro imbarcazioni. “Uccidetemi qui, uccidetemi subito”.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36