Pena di morte

Bielorussia e Uzbekistan sono gli ultimi Paesi dell'ex Unione Sovietica a praticare ancora la pena di morte e costituiscono l'ostacolo finale da superare per rendere l'Europa e l'Asia centrale una “zona libera dalla pena di morte”.
Questo l'appello di Amnesty International, che ha recentemente lanciato un rapporto dal titolo “Bielorussia e Uzbekistan: gli ultimi carnefici. Verso l'abolizione della pena di morte nell'ex spazio sovietico”.
In questi Paesi, le condanne a morte vengono emesse al termine di processi iniqui, spesso sulla base di ‘confessioni' estorte con maltrattamenti e torture.
Né i prigionieri nel braccio della morte né i loro parenti vengono informati sulla data di esecuzione…

Ulteriori informazioni:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
tel. 06/4490224.

Il rapporto sulla Bielorussia e l'Uzbekistan è disponibile presso il sito di Amnesty International: http://www.amnesty.org

Ultimo numero

La notte che ha cambiato il mondo
NOVEMBRE 2019

La notte che ha cambiato il mondo

Un dossier dedicato al Muro.
Quel Muro che ha condizionato la storia.
La notte tra il 9 e il 10 novembre 1989 la gente piccona,
distrugge e abbatte il Muro di Berlino.
E finisce un'era, dando inizio a una nuova.
Più sicura?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.29