Vogliono cambiare il codice penale militare italiano

Su proposta del centrodestra il Senato approvato una “riforma” dalle gravi ripercussioni sulla libertà di informazione.

Scrivere su Internet un articolo su una base militare e scattare delle foto a corredo potrebbe costare più caro che falsificare un bilancio aziendale, dopo le recenti norme che il centrodestra ha approvato.
Per un giornalista raccontare i retroscena della guerra a Nassiriya diventerà un'attività a rischio.
Diffondere su Internet tutto questo sarà un grosso problema.
La riforma ha terminato il suo iter al Senato ma non è ancora stata approvata: ora la parola passa alla Camera. Se tutto ciò va in porto, arrivano le manette per chi raccoglie informazioni sulla dislocazione, i movimenti e le operazioni delle forze armate. Per chi le divulga (anche su Internet) la pena minima è di 5 anni. Le notizie che le autorità ufficiali negano di far conoscere assumono il
carattere di notizie “riservate”: infatti chi “procura notizie concernenti la forza, la preparazione o la difesa militare, la dislocazione o i movimenti delle forze armate, il loro stato sanitario, la disciplina e le operazioni militari e, ogni altra notizia che, essendo stata negata, ha tuttavia carattere riservato”.
Per effetto delle norme approvate diventano “operativi”, cioè pienamente in vigore anche gli articoli 72 e 73 del codice penale militare italiano là dove la legge recita che viene punita con la reclusione
militare “l'illecita raccolta, pubblicazione e diffusione di notizie militari”.
Il giornalista che verrà accusato di questi “reati” potrà essere condannato a una pena variante tra i due e i dieci anni di carcere, ovviamente militare. Non è tutto. Se queste notizie verranno divulgate la pena potrà essere raddoppiata e arrivare fino a venti anni di carcere. Il minimo della condanna per il cronista che osa scrivere qualcosa che disturba è in questo caso di cinque anni.

Note

Per maggiori informazioni: http://italy.peacelink.org/mediawatch/articles/art8205.html

Ultimo numero

La notte che ha cambiato il mondo
NOVEMBRE 2019

La notte che ha cambiato il mondo

Un dossier dedicato al Muro.
Quel Muro che ha condizionato la storia.
La notte tra il 9 e il 10 novembre 1989 la gente piccona,
distrugge e abbatte il Muro di Berlino.
E finisce un'era, dando inizio a una nuova.
Più sicura?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Note

    Per maggiori informazioni: http://italy.peacelink.org/mediawatch/articles/art8205.html
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.29