Conflitti, litigi e altre rotture

I conflitti sono una risorsa. Coi conflitti si cresce: nei conflitti si diventa grandi.
Questo in poche parole il senso della mostra interattiva Conflitti, litigi e altre rotture ideata e promossa dal Centro Psicopedagogico per la Pace e la gestione dei conflitti di Piacenza.
La mostra, rivolta ai ragazzi e alle ragazze dagli undici ai sedici anni, sta girando l'Italia da 5 anni e ha già toccato alcune città italiane, tra cui: Bari, Ravenna, Venezia, Ferrara, Valenza po', Salerno, Frosinone, Udine, Genova, e Vigevano, con grande successo e grande interesse da parte dei giovani partecipanti, che hanno potuto, attraverso giochi e attività varie, entrare nel vivo di questa fondamentale componente della vita umana che è il conflitto, cercando di capirne la natura e di migliorarsi sotto il profilo del proprio approccio alle situazioni conflittuali.
Il percorso, che si snoda lungo nove tappe, viene compiuto dai ragazzi e dalle ragazze divisi in gruppi di quattro.
All'ingresso della mostra interattiva i ragazzi e le ragazze vengono accolti dagli animatori, che raccontano loro la storia di due porcospini (vedi allegato) con l'aiuto di un raccontastorie a rotolo figurato.
Quindi ricevono il “diario di bordo”, un libretto di quaranta pagine che costituisce una sorta di bussola per orientarsi nei meandri della mostra interattiva. Ogni gruppo comincia dunque a fare il percorso, che comprende tre sezioni:
a. Che rottura quando le cose non vanno
b. Me la cavo così
c. Si può fare meglio
e rappresenta una progressiva presa di coscienza della conflittualità, di come la si gestisce, e di cosa fare per migliorare.
La mostra si conclude con un momento finale in cui i ragazzi danno una valutazione del loro modo di gestire i conflitti e lasciano una nota agli organizzatori della mostra, utilizzando una cassetta delle lettere appositamente predisposta.
Anche per gli insegnanti è previsto uno strumento di lavoro che potranno utilizzare successivamente nelle classi: il “libro mastro”, un libretto con ulteriori attività didattiche da realizzare nelle aule scolastiche.
È la prima mostra sul conflitto che viene realizzata interamente in Italia, ideata da un'équipe del Centro Psicopedagogico per la Pace e la gestione dei conflitti, condotta dal direttore Daniele Novara, pedagogista.
La mostra rappresenta quindi un'occasione unica, anche a livello europeo, per affrontare in maniera diversa un elemento, quello del conflitto, che troppo spesso viene sovrapposto, semanticamente, alla guerra e alla violenza.
La mostra insegna innanzitutto che “conflitto” e “violenza” sono due concetti antitetici, e che spesso la violenza nasce come tentativo di sopprimere il conflitto, ossia la divergenza e la differenza.
La mostra s'inserisce all'interno di un grande progetto di alfabetizzazione ai conflitti perseguito da undici anni dal Centro Psicopedagogico per la Pace e la gestione dei conflitti di Piacenza, il cui primo scopo mira ad aiutare le persone a stare nel conflitto, ad accettarlo, a viverlo come esperienza di crescita e non come minaccia distruttiva.

CALENDARIO
* dall'8 al 28 Novembre 2004 la Mostra sarà a Soriano nel Cimino (VT), presso il Castello Orsini (via della Rocca 39)
* dal 1 al 12 febbraio 2005 la Mostra sarà a Senigallia (AN)
* dal 20 febbraio al 20 marzo 2005 la Mostra sarà a Casalecchio di reno (BO)
* in Aprile 2005 la Mostra verrà ospitata dalla città di Bergamo

Potete trovare ulteriori notizie sul progetto e su altre attività da noi proposte sul sito http://www.cppp.it

Per informazioni contattare il C.P.P.
Centro Psicopedagogico per la Pace e la gestione dei conflitti
tel. 0523-498594
ufficio.stampa@cppp.it

Ultimo numero

La notte che ha cambiato il mondo
NOVEMBRE 2019

La notte che ha cambiato il mondo

Un dossier dedicato al Muro.
Quel Muro che ha condizionato la storia.
La notte tra il 9 e il 10 novembre 1989 la gente piccona,
distrugge e abbatte il Muro di Berlino.
E finisce un'era, dando inizio a una nuova.
Più sicura?
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.29