Dossier

Dossier

Un popolo dal cuore zingaro
A cura di Cristina Mattiello


Sono vecchio e affaticato ma non posso restare. Gli zingari si fermano solo per morire, perché la strada è la loro vita.

Sulla strada veniamo al mondo, lungo le strade viviamo, in fondo a una strada ci prende la morte.

Così è la nostra vita siamo poveri ma felici.
La nostra ricchezza è quando stiamo seduti intorno a un fuoco ad ascoltare il violino che suona.
Puão


Sommario:


    5 Articoli
    • Quel nostro occhio malato

      Il più grande aiuto che potremmo dare alle comunità rom e sinti è purificare il nostro sguardo. In una chiesa capace di “stare dentro” la storia del mondo, la pastorale si fa migrante.
      Padre Agostino Rota Martir
    • Prima di tutto partecipazione

      Le politiche di esclusione attuate in Italia, i migranti nelle strade d’Europa, le iniziative estere di tutela di rom e sinti: la voce di chi vive con loro ogni giorno.
      Intervista a Eva Rizzin
    • Scuola nomade

      I bambini e gli adolescenti nomadi e il loro diritto all’istruzione: il progetto dell’Arci di Roma.
      Sabrina Milani
    • In versi e rime

      Topoi, luoghi comuni, stereotipi: indagine sull’altro nell’immaginario umano e artistico-letterario.
      Cinzia De Cicco
    • Ma quale storia da reietti!

      Negare che la cultura europea non abbia niente a che fare con gli zingari è errato: la storia rom ha radici antiche. Ripercorriamone alcune tappe.
      Cristina Formica

    Ultimo numero

    Ponti
    SETTEMBRE 2019

    Ponti

    Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
    non potevano superare i burroni e gli abissi
    per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
    spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
    Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
    Ivo Andrić
    Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

    Ultimi Articoli

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26