Dossier

Dossier

Tutta l’acqua è benedetta
A cura di Rosario Lembo

In quasi tutte le religioni e le culture, l’acqua è associata a determinati simboli, convinzioni, a testimonianza dal valore universale di questa risorsa riconosciuta da tutti come “fonte di vita”, universale nel tempo e nelle diverse forme e identità del nostro pianeta.
Con questo dossier ci proponiamo di ricordare alcuni dei principali valori ai quali l’acqua è stata tradizionalmente associata nei secoli e nelle diverse culture al tempo stesso le ragioni per cui oggi è richiesto l’impegno di tutti i cittadini, di tutti i popoli. È necessario promuovere una nuova cultura e civiltà dell’acqua, nuove modalità di partecipazione se si vogliono ostacolare i processi di mercificazione a cui questo bene essenziale è sempre più sottoposto.
L’acqua è simbolo di vita. Essa rappresenta e ha sempre rappresentato la sorgente, la fonte di ogni forma di vita. II feto si sviluppa nell’acqua e quasi tutte le religioni attribuiscono all’acqua un valore simbolico.
L’acqua è simbolo di sacralità. Ha poteri fertilizzanti e la fecondità viene associata all’acqua; essa ha però anche potere terapeutico, di guarigione e di purificazione.
Riassume in sé e nel suo ciclo, i simboli della vita-della morte-della rinascita di ogni essere vivente.
L’acqua in movimento esprime la vita, ma nel contempo è anche un elemento di dissoluzione, perché scorre sulla superficie terrestre e spesso è fonte di esclusione (chi abita sull’altra sponda del fiume viene considerato il rivale, il nemico) o si trasforma in un potenziale elemento di morte.
La pioggia, dono della terra, simboleggia infatti, in molte culture, energia, prosperità, ma anche caos, danni, inondazioni. L’acqua che scorre nei letti dei fiumi in modo naturale, simboleggia un punto di transito da un luogo a un altro.
Ma oggi l’acqua ha perso questo fascino, questa identità, questa simbologia.
Molti fiumi oggi non scorrono più verso il mare e sono ridotti a discariche a cielo aperto. Le piogge cadono con sempre minor frequenza e spesso sono fonte di morte e di inondazioni.
E soprattutto l’acqua è ormai diventata una merce, un prodotto come tanti altri, che si può consumare, trasportare, vendere. Su cui fare affari, speculazioni finanziarie. Insomma, si sta trasformando l’acqua nell’oro blu del XXI secolo.

Sommario:


    4 Articoli
    • Una parola di terra e acqua
      BIBBIA

      Una parola di terra e acqua

      Nelle Scritture l'acqua è un simbolo profondo: del caos, del male, ma anche della vita e della salvezza.
      Angelo Reginato
    • CULTURE

      L'acqua nelle religioni

      Il valore simbolico dell'acqua riassume in sé le stesse ambiguità del sacro: l'indistinzione, la violenza, la salvezza, la purificazione.
      Marco Gallizioli
    • Se l'acqua diventa merce
      ECONOMIA

      Se l'acqua diventa merce

      Non più un diritto umano fondamentale, ma un bisogno gestito dal mercato. Così l'acqua è finita in mano alle multinazionali.
      Rosario Lembo
    • MOVIMENTI

      Acqua bene comune dell'umanità

      È urgente un'alleanza di tutti i soggetti sociali. Il cammino fatto in Italia e nel resto del mondo. Le prossime tappe.
      A cura del Comitato italiano per un Contratto Mondiale sull’Acqua

    Ultimo numero

    Mediterraneo arca di pace?
    GENNAIO 2020

    Mediterraneo arca di pace?

    Un numero speciale, monografico,
    in occasione dell'incontro su
    "Mediterraneo, frontiera di pace",
    organizzato dalla Cei a Bari in febbraio 2020,
    e nello sfondo del messaggio di papa Francesco
    per la Giornata mondiale della Pace,
    "La pace come cammino di speranza:
    dialogo, riconciliazione e conversione ecologica".
    Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

    Ultimi Articoli

    • Disuguaglianze

      20 gennaio 2020 - Tonio Dell'Olio
    • Quando si erode una comunità

      17 gennaio 2020 - Tonio Dell'Olio
    • Pace nel Mediterraneo
      PUGLIA, ARCA DI PACE

      Pace nel Mediterraneo

      L’arco dei forti si è spezzato? Dal documento dei vescovi della metropolia di Bari del 1988 a noi.
      In attesa dell’incontro tra papa Francesco e i vescovi del Mediterraneo, ricordiamo la forte denuncia di allora per confermare scelte di disarmo e di nonviolenza oggi.
      Mons. Giovanni Ricchiuti (Presidente di Pax Christi Italia, vescovo di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti )
    • Il paese dei curdi
      SOLUZIONE NONVIOLENTA DEI CONFLITTI

      Il paese dei curdi

      Chi sono? Quali origini hanno le richieste di autonomia curda?
      Quali violazioni dei diritti sono state compiute?
      Laura Filios (Osservatorio Diritti (www.osservatoriodiritti.it))
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.31