Dossier

Dossier

Lo spazio della coscienza
A cura di Alberto Conci e Andrea Bigalli


Riflettere oggi sul tema della coscienza significa tener conto di una situazione complessa, nella quale il pluralismo etico e l’incontro fra persone che sono portatrici di diversissime visioni del mondo impongono la fatica creativa del dialogo. Tuttavia, il pluralismo culturale ed etico nel quale viviamo non è un dramma o una dannazione, non il segno della decadenza e della fine della cristianità, ma più semplicemente la condizione nella quale ci è chiesto di vivere, come uomini e come cristiani.
La stigmatizzazione di questa condizione e il reiterato richiamo alla minaccia del relativismo, che diventa per molti credenti l’emblema dello scontro con un mondo che ha dimenticato Dio contribuendo a rinforzare l’immagine di una Chiesa-fortezza, rischiano di non aiutarci a comprendere fino in fondo gli uomini del nostro tempo, rendendo meno efficace anche l’annuncio evangelico, che deve raggiungere gli uomini nel “centro” della condizione in cui essi vivono e non ai margini.
Ciò non significa che la situazione di pluralismo vada accettata acriticamene come una condizione pregiudizialmente buona: essa va vagliata alla luce della parola di Dio, su di essa va esercitata quella riserva critica che al cristiano è chiesto di esercitare su ogni realtà mondana; ma tutto ciò senza l’illusione di ricacciare in una condizione di “minorità”, direbbe Bonhoeffer, un mondo che, ci piaccia o no, è divenuto adulto.
In questo mondo, oggi, ci si deve interrogare sullo spazio della coscienza; senza fuggire in spiritualità periferiche che coltivano sommessamente l’odio per il mondo più che l’amore per gli uomini.

Sommario:


    5 Articoli
    • Dio parla a ciascuno di noi

      La coscienza è il nucleo più segreto dell’uomo. Dove egli si trova solo con Dio.
      È la grande protagonista dei documenti conciliari. E della vita dei cristiani.
      mons. Luigi Bettazzi
    • Subdola tentazione

      Rileggiamo don Lorenzo Milani. Per riscoprire il valore della disobbedienza.
      Per affermare il primato della coscienza. Dov’è finita l’Obiezione?
      Andrea Bigalli
    • Dallo specchio al volto

      Qual è il ruolo della coscienza nella Bibbia? Dio insegna all’uomo a riconoscere il proprio mondo interiore come luogo privilegiato di dialogo.
      Prima di tutto con se stesso. E con il proprio Dio.
      Giovanni Salvini
    • Navigatori a vista?

      Si riscopre la coscienza come luogo ultimo delle decisioni.
      Luogo privilegiato di rielaborazione morale.
      Quali rischi nella società plurale?

      Alberto Conci
    • Voglia di religione civile

      La libertà di parola s’è addormentata.
      Non solo nella chiesa. Anche nella politica.
      Quanto resta della laicità?
      E quali spazi la politica riserva alla profezia?

      Sandro Bergantin

    Ultimo numero

    Il peso delle armi
    DICEMBRE 2018

    Il peso delle armi

    Un dossier di presentazione del sesto Rapporto
    sui conflitti dimenticati a cura di Caritas italiana.
    Quante sono le armi, leggere o pesanti,
    esportate in paesi in guerra e quanti conflitti
    vi sono oggi nel mondo?
    Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

    Ultimi Articoli

    • Basta poco

      14 dicembre 2018 - Tonio Dell'Olio
    • Quale sicurezza?

      13 dicembre 2018 - Tonio Dell'Olio
    • Il peso delle armi
      DICEMBRE 2018

      Il peso delle armi

      Un dossier di presentazione del sesto Rapporto
      sui conflitti dimenticati a cura di Caritas italiana.
      Quante sono le armi, leggere o pesanti,
      esportate in paesi in guerra e quanti conflitti
      vi sono oggi nel mondo?
    • La lunga strada
      DIRITTI

      La lunga strada

      Nel settantesimo compleanno della Dichiarazione dei diritti umani, camminiamo verso l’abolizione della pena di morte.
      A che punto siamo?
      10 dicembre 2018 - Nessa Gibbardo (Coordinamento pena di morte Amnesty International Italia)
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.3