Dossier

Dossier

Amore fast food
A cura di Francesco Comina


Anche l’amore cambia volto. Nel tempo della globalizzazione, nel tempo della tecnica e della finanza virtuale, anche le dinamiche affettive, sentimentali, passionali si sono adattate ai mutamenti culturali imposti dal mercato.
Sembra impossibile. L’amore cantato dai poeti, celebrato dai filosofi, danzato nelle balere del mondo, dipinto nelle tavole di Chagall, si sta rimodellando in forme e formule codificate. I tempi del corteggiamento si sono spaventosamente ritirati, l’attesa si è annullata, la passione si è fusa nell’atto sessuale e l’investimento nelle lunghe durate della vita familiare è quasi scomparso. Nascono le coppie part time, i rapporti tascabili, le relazioni a singhiozzo, gli amori doppi, tripli, gli scambi di coppie. Divampa l’amore virtuale, l’impero informatico dei sensi. La parola d’ordine è “connesione”; il meraviglioso mondo dell’incontro con l’altro/a si chiama web e il cellulare è diventato il veicolo privilegiato per dirsi "ti amo" o cancellare per sempre la parola “tu”. I paesaggi mutano, l’orizzonte declina, il sesso trionfa.
Ci troviamo, insomma, nel mare tempestoso dell’ amore liquido come lo definisce acutamente Zygmunt Bauman. Nell’acqua gelida di un tempo divenuto brevissimo, anche i rapporti subiscono un’accelerazione improvvisa e tengono finché tengono, ossia lo spazio della convenienza e del profitto.
Come le azioni di borsa, anche le relazioni tascabili schizzano e muoiono secondo le fluttuazioni sentimentali globali. Tutto è ricondotto alla relatività materiale, non c’è nulla di stabile, nulla che possa valere per sempre. Anche l’amore è trafitto dalla globalizzazione.
Ma non si tratta solo e unicamente di relativismo culturale e nemmeno di un effetto scandaloso della secolarizzazione che avanza. Dentro la faccia multiforme del nuovo amore si agitano problemi grandi, complessi, ribellioni profonde verso un modo di sentire l’amore bloccato nelle cornici di un moralismo formale, incapace di dare nome alla libertà e alla spontaneità della vita affettiva. Con le sue derive, con le sue cadute, con le sue facili soluzioni. Il dossier che presentiamo ai nostri lettori è il primo atto di un discorso che merita una lettura amplia e adatta ai tempi che stiamo vivendo. Perché l’amore rivela il senso della storia e la condizione dell’uomo nel mondo e nella società.

Sommario:


    4 Articoli
    • A passo di danza

      A passo di danza

      Nell’Occidente del terzo millennio cambia il volto dell’amore.
      Si spegne. Si raffredda. Scorre senza lasciare traccia.
      In tempo di globalizzazione erompe l’oceano dei sentimenti.

      Francesco Comina
    • Il condominio di Noé

      La famiglia tradizionale, con tanto di nonni, genitori e bambini.
      La coppia senza figli. La coppia ricostruita che si incrocia con quella originaria.
      La coppia gay. La famiglia impropria con mamma e figlia single. E così via.
      Tutto in un solo condominio. Il nuovo panorama dell’amore.
      Rosella De Leonibus
    • Fedeli fino in fondo

      Ambiguità e potere sono le grandi minacce per ogni relazione d’amore.
      La parola a un teologo. Per vivere relazioni senza rattoppi.
      Per ritrovare se stessi. Per riscoprire l’Amore.
      don Ottorino Cacciatore
    • Nutrirsi di attesa

      La filosofia diffida dell’amore. Perché immotivato.
      Resiste alle fondazioni. E alle spiegazioni.
      Eppure la dimensione del tempo rende l’amore eversivo.
      Lo proietta nel futuro. Anzi nell’attesa.

      Intervista a Sandro Tarter
    Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

    Ultimi Articoli

    • I desaparecidos del Sahara
      ULTIMA TESSERA

      I desaparecidos del Sahara

      Ci preoccupano solo i numeri di coloro che sbarcano in Italia.
      Ma cosa accade oltremare?
      I migranti sono volti, persone, con storie laceranti che lasciano intravedere le gravi violazioni di diritti umani. In Libia, per esempio.
      Nello Scavo (Giornalista di Avvenire, reporter internazionale – www.nelloscavo.com/)
    • Prima che gridino le pietre
      PRIMO PIANO LIBRI

      Prima che gridino le pietre

      Dal colonalismo allo sfruttamento, arginiamo la violenza, apriamo i porti, lasciamo spazio alla compassione. L’ultimo libro di Alex Zanotelli e l’appello alla nostra umanità.
      Adriana Baldini
    • Difesa illegittima
      POLITICA

      Difesa illegittima

      La recente legge sulla legittima difesa alimenta le paure, l’insicurezza e accresce un clima di violenza. Dove ci porterà tutto questo difenderci ad ogni costo?
      Renato Sacco (Coordinatore nazionale Pax Christi Italia )
    • Dalla logica del bisogno al desiderio
      MAGGIO 2019

      Dalla logica del bisogno al desiderio

      A cura di Ilaria Napolitano e Patrizia Morgante (Donnemujereswomen)
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.20