Dossier

Dossier

Equilibri di coppia
A cura di Rosa Siciliano

Quali trasformazioni attraversa oggi la famiglia? Quale legame, quale contratto alla base delle unioni tra persone? Un viaggio nelle inquietudini del nostro tempo. Un viaggio attraverso le mutazioni degli individui e dei nuclei familiari. Una lettura di quello accade fuori – separazioni, divorzi, convivenze… – e dentro – desideri e bisogni, autonomia, autorealizzazione, responsabilità. Abbiamo voluto proporre una riflessione sul mondo complesso delle famiglie e in particolare delle famiglie in crisi. Perché anche la separazione e il divorzio possono trasformarsi in una guerra infinita nella quale i giochi di potere hanno un ruolo centrale e distruttivo. Una guerra alimentata troppo spesso anche da avvocati, tribunali e consulenti.
Il sistema giudiziario attuale, infatti, anche in materia di separazione e divorzio, risponde a una logica “bellica” in cui le parti sono sempre contrapposte. Vincente/perdente, buoni/cattivi… i comportamenti coniugali e genitoriali sono giudicati, sezionati, sottoposti a giudizi di maggiore o minore adeguatezza. Logiche che non mitigano né risolvono il conflitto ma, al contrario, troppo spesso lo amplificano.
La separazione può essere vissuta con questa logica di tipo oppositivo-bellico oppure può trasformarsi in un’occasione per riscoprire un’alleanza. Per ritrovare una condivisione anche nel dramma di una rottura. Per essere ancora capaci di accogliere e per non lasciarsi usurare dalla rabbia e dalle liti. A patto che si decida a mettersi in cammino, ad affrontare un percorso, il più delle volte arduo e faticoso. Cominciando con il riconoscere la sofferenza, con l’ascoltare i propri e altrui bisogni e con l’assumersi le proprie responsabilità. Soprattutto nell’interesse fondamentale dei figli.
Nel momento della disgregazione familiare, quando i propri occhi e il proprio cuore sono confusi dal turbine di nuovi sentimenti e avvenimenti, occorre una più forte responsabilità genitoriale. Occorre raffinare la capacità di ascolto dei bambini (e degli adolescenti), operazione già difficile e delicata in sé.
Pensare e costruire un modo nuovo di risolvere i conflitti, nonviolentemente, è possibile, anche se si parla di divorzio e di separazione. Soprattutto se interviene un mediatore familiare: figura capace di accogliere con empatia le emozioni delle persone, senza giudicare o parteggiare per l’una o l’altra. Figura capace di favorire la comprensione e la comunicazione reciproca.
In queste pagine, ci siamo avventurati nella scoperta (e nella proposta) della mediazione familiare, per capirne il significato e per conoscerne l’applicazione, sino a sfiorare i suoi stessi limiti.

Sommario:


    4 Articoli
    • Fili che legano

      Fili che legano

      Dal matrimonio alla convivenza. Dall’eterno al provvisorio. Viaggio attraverso l’inquietudine della famiglia post-moderna. Più conflitti, più dissoluzione, ma anche più democrazia, più autonomia, più passione.
      Fulvia D’Elia
    • Quando la guerra entra in casa

      Avvocati, tribunale, operatori sociali. Nella separazione di due coniugi tutto alimenta l’acredine. Una vera e propria guerra.
      Ma è possibile rompere questa spirale?

      Ilaria De Vanna
    • Verso una nuova alleanza

      La mediazione familiare apre nuove prospettive nei conflitti di coppia.
      Per un nuovo progetto comune. Per il primario interesse dei figli.

      Anna Coppola De Vanna
    • Cambiare per non cambiare

      Mediazione vuol dire empatia. Altrimenti induce nei coniugi sensi di colpa.
      Rafforza la dipendenza. Genera ambigue commistioni.

      Anna Coppola De Vanna

    Ultimo numero

    Affare fatto
    DICEMBRE 2019

    Affare fatto

    90 cacciabombardieri F35
    14 miliardi di euro.
    Una follia.
    Il programma aeronautico
    più costoso di tutti i tempi.
    Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

    Ultimi Articoli

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.29