Dossier

Dossier

Se tace Amos
A cura di Guglielmo Minervini

“Io detesto, respingo le vostre feste
e non gradisco le vostre riunioni;
anche se voi mi offrite olocausti,
io non gradisco i vostri doni
e le vittime grasse come pacificazione
io non le guardo.
Lontano da me il frastuono dei tuoi canti:
il suono delle tue arpe non posso sentirlo!
Piuttosto scorra come acqua il diritto
e la giustizia come un torrente perenne.”
(Am 5, 21-24)


Profezia è urto con il senso comune. Bufera nella normalità. Terremoto nel tempio. Scontro con il potere.
Profezia è imprevisto che sconvolge. Voce che chiama all’esodo. Annuncio che rimette in cammino senza dimora e senza nemmeno una pietra su cui poggiare il capo.
Profezia è rottura. Deserto. Inquietudine. Isolamento. Incomprensione. Profezia è restituire la sovranità del tempo al futuro e il futuro a Dio.
La parola della profezia attraversa la politica. Come spina conficcata nel fianco, ricorda alla politica, specie quando degrada verso il potere, il fine unico della fraternità. Come un sasso finito nella scarpa, con fastidio impedisce di dimenticare che il destino di ogni progetto umano, specie quando si trasforma in istituzione, è finire non durare. In eterno.
All’irriducibile conflitto tra profezia e politica è dedicato questo dossier, con lo sguardo specifico rivolto all’attimo presente. Non è tempo di profezie, d’accordo. A Machiavelli è riuscito di oscurare Amos, d’accordo. Ma cosa resta della politica affrancata dallo scrupolo della voce dell’ulteriorità?
Questa la domanda attorno a cui ruotano i testi, non rivisti dagli autori, tratti dalle relazioni svolte nell’ambito del convegno, tenutosi a Roma il 3 dicembre 2004, sul tema Profezia e politica. La parola e la visione sono le armi della profezia. La prima scuote, la seconda squarcia, organizzato dal Presidente del Consiglio della Provincia di Roma, che ringraziamo per la disponibilità.

Sommario:


    4 Articoli
    • Stand-by, novecento
      POLITICA

      Stand-by, novecento

      Secolo delle grandi narrazioni. Dei grandi sogni di mutamento sociale. Di svolte e rivoluzioni. Di eroi e di movimenti. Cioè di profezie incarnate nella politica.
      Il Novecento così vicino eppure così lontano.
      Mario Tronti
    • CONVIVIALITÀ DELLE DIFFERENZE

      Gli sguardi della profezia

      Leggere il senso degli eventi. Allargare lo sguardo al mondo. Immaginare il futuro possibile. Siamo orfani di una profezia che cambi la politica. E la impegni a costruire la convivialità delle differenze.
      Tonio Dell’Olio
    • TEOLOGIA

      Il limite di Dio

      La fede è il limite di Dio. Che sceglie di agire attraverso le sue creature. Per compiere la storia. Credere significa molto più che obbedire a una religione o a una morale. Significa rendere nuove le cose. E possibile il futuro.
      Carlo Molari
    • FILOSOFIA

      Agonia di un trattino

      L’utopia è progetto. La profezia imprevedibilità. L’una nega l’altra. In un conflitto irriducibile. Cosa resta della politica moderna quando cessa la sua lotta con la profezia.
      Massimo Cacciari

    Ultimo numero

    La notte che ha cambiato il mondo
    NOVEMBRE 2019

    La notte che ha cambiato il mondo

    Un dossier dedicato al Muro.
    Quel Muro che ha condizionato la storia.
    La notte tra il 9 e il 10 novembre 1989 la gente piccona,
    distrugge e abbatte il Muro di Berlino.
    E finisce un'era, dando inizio a una nuova.
    Più sicura?
    Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

    Ultimi Articoli

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.29