Dossier

Dossier

Dio, lasciamolo in pace
A cura di Renato Sacco


Mai più violenza! Mai più guerra! Mai più terrorismo! In nome di Dio ogni religione porti sulla terra giustizia e pace, perdono, vita e amore (Giovanni Paolo II, Assisi, 24 gennaio 2002).
Quell’intervento del Papa ad Assisi era uno dei tanti appelli, a pochi mesi dall’11 settembre, a non utilizzare Dio, a non strumentalizzarlo per i propri fini, per le proprie guerre, da una parte o dall’altra. Dio è il Dio della pace e non della guerra. Le vicende mondiali anche recenti ci confermano una crescita dell’uso di Dio e della religione per giustificare o benedire una guerra. Niente di nuovo, si potrebbe obiettare: dalla guerra santa, alla guerra giusta, alla guerra preventiva. È dalla non accettazione di questo uso di Dio “fondamentalista” che prende corpo questo dossier. E anche per il legame con molti amici che abitano in Medio Oriente e che ci stimolano a riscoprire il vero volto di Dio, il volto di Gesù principe della pace. Da qui il titolo un po’ provocatorio del dossier che guarda alle fatiche e agli intoppi di una prassi pastorale chiamata sempre più a confrontarsi con il mondo militare. Basti pensare al grande evento dei funerali a Roma dei soldati italiani uccisi a Nassiryia. In quell’occasione mons. Bettazzi scrisse, parlando della necessità di un impegno di pace: “Lo chiede la volontà di pace della maggioranza dell’umanità, lo esige il sangue di questi nostri giovani morti nell’illusione di poter diventare operatori di pace”. Alui abbiamo chiesto di ripercorrere il cammino della Chiesa sul tema della pace e della guerra, della violenza e nonviolenza.
Mentre a don Pino Mattai, teologo, abbiamo chiesto una riflessione teologica fondante, che ci aiuti ad andare alle radici, una riflessione che non si fermi all’emotività, ma ponga pilastri saldi al nostro agire per la pace e nella pace. Scrive don Pino: “Evangelo e prassi di Gesù aprono grandi e inedite prospettive di pace e nonviolenza”. Sergio Paronetto ci ricorda che la pace – o meglio, l’azione nonviolenta – ama la vita. Si prende cura della vita di tutti e per tutti. La pace è vita da gustare, da curare e da condividere. È un contributo a vedere la vita, la pace, con occhi nuovi. Infine qualche informazione sull’Ordinariato Militare, qualche “preghiera militare” per capire una cultura che, pur avendo radici nel passato sembra essere ancora molto viva in una certa retorica che poi diventa anche prassi pastorale. Una conferma, piccola e forse insignificante, viene, per esempio, dalla grande diffidenza con cui sono state viste le bandiere arcobaleno della pace esposte all’interno delle chiese. Diffidenza che non sembra manifestarsi nei confronti di stendardi, gagliardetti e quant’altro dei vari eserciti e corpi militari. E nemmeno nei confronti delle armi spesso indossate e ostentate anche durante le celebrazioni liturgiche. Perché questa tentazione di tirare sempre in ballo Dio? Anche per la guerra.
Lasciamolo... in Pace!

Sommario:


    5 Articoli
    • Deporre le armi

      Deporre le armi

      Non uccidere è norma primaria etica, prima ancora che comandamento. Non è lecito sopprimere la vita umana. Ma la Bibbia, il magistero ecclesiale e la teologia proscrivono ogni tipo di guerra?
      Giuseppe Mattai
    • Calici e medaglie

      Hanno tanto di stellette e divisa. Sono preti assimilati ai militari graduati. Ma chi sono i cappellani militari?
      Ecco una scheda tratta dal loro sito ufficiale.
      A cura della redazione
    • Vangelo e mimetica?

      Messe organizzate da corpi militari.
      Feste, gagliardetti, mimetiche e armi.
      E sullo sfondo cappellani militari con le stellette.
      Ripartiamo dalla loro smilitarizzazione
      R. S.
    • Roba da matti!

      La guerra fuor di ogni logica nella Pacem in terris. E non solo.
      Sulle orme di una Chiesa che gusta la pace, pellegrina, sognatrice di un mondo senza guerre. Per riconoscere il valore della nonviolenza.
      Luigi Bettazzi
    • Rifare il mondo

      Pace è prendersi cura di ogni creatura. Presupposto per una teologia della nonviolenza. Per una comunità ecclesiale che viva il magistero della prassi.
      E creda nella corresponsabilità ecclesiale.

      Sergio Paronetto

    Ultimo numero

    Il peso delle armi
    DICEMBRE 2018

    Il peso delle armi

    Un dossier di presentazione del sesto Rapporto
    sui conflitti dimenticati a cura di Caritas italiana.
    Quante sono le armi, leggere o pesanti,
    esportate in paesi in guerra e quanti conflitti
    vi sono oggi nel mondo?
    Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

    Ultimi Articoli

    • Quale sicurezza?

      13 dicembre 2018 - Tonio Dell'Olio
    • Il peso delle armi
      DICEMBRE 2018

      Il peso delle armi

      Un dossier di presentazione del sesto Rapporto
      sui conflitti dimenticati a cura di Caritas italiana.
      Quante sono le armi, leggere o pesanti,
      esportate in paesi in guerra e quanti conflitti
      vi sono oggi nel mondo?
    • La lunga strada
      DIRITTI

      La lunga strada

      Nel settantesimo compleanno della Dichiarazione dei diritti umani, camminiamo verso l’abolizione della pena di morte.
      A che punto siamo?
      10 dicembre 2018 - Nessa Gibbardo (Coordinamento pena di morte Amnesty International Italia)
    • La gioia della sinodalità
      CHIESE

      La gioia della sinodalità

      La voce delle religiose al sinodo dei giovani.
      Protagonisti, non solo destinatari di riflessioni.
      Immagine di una chiesa che sa attraversare la storia.
      Patrizia Morgante (Responsabile comunicazione dell’Unione Internazionale delle Superiore Generali (UISG))
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.3