Dossier

Dossier

Uccisi in nome delle fedi
A cura di Gianni Novelli


“Il sangue dei martiri è seme di nuovi cristiani” scriveva il polemico Tertulliano agli inizi del terzo secolo.Papa Giovanni Paolo II ha ripreso con forza questo assioma e ha fatto della memoria dei martiri cristiani uno dei pilastri del suo magistero, particolarmente durante l’anno giubilare 2000. Il 7 maggio 2000 dedicò ai martiri una solenne commemorazione al Colosseo (nella quale non volle però nominare mons. Oscar Romero). Nella celebrazione in piazza a Managua in quell’infelice visita del marzo1983 al popolo che gridava “Viva Oscar Romero martire!” papa Woytila replicò con forza: “Romero è nostro!”.
Il movimento giovanile missionario, organo ufficiale delle Pontificie Opere Missionarie in Italia, da venti anni promuove in tutte le parrocchie d’Italia il 24 marzo, anniversario dell’assassinio di mons. Oscar Romero, la giornata dei missionari martiri. Oscar Romero non può però essere chiamato “martire” perché non è stato ucciso in odium fidei come ha stabilito per i processi di canonizzazione papa Benedetto XIV nel 1737. Charles de Foucauld è stato “beatificato” nel novembre 2005, ma non ha il titolo di martire, anche se è stato ucciso nel deserto algerino da musulmani.
La Chiesa anglicana ha onorato dieci figure di martiri cristiani dedicando loro una statua sulla facciata dell’abbazia di Westminster; tra essi c’è Oscar Romero. Dietrich Bonhoeffer nel libro Preghiera dei giorni della Comunità di Bose è indicato come “martire” il 9 aprile. “Avvenire” (23 novembre del 2003) intitolava L’addio ai martiri di Nassirya l’articolo sulle esequie delle vittime dell’attentato in Iraq, celebrate solennemente dal cardinale Ruini. L’”Unità” del 13 agosto intitolava Angelo martire laico gli articoli dedicati ad Angelo Frammartino, volontario pacifista ucciso a Gerusalemme. I combattenti suicidi nel Medio Oriente e in Iraq sono chiamati e onorati come “martiri” (sahid). Come martire per antonomasia i musulmani sciiti venerano Usayn, figlio di Fatima e nipote di Muhammad ucciso in battaglia e come lui “martiri” tutti i suoi fedeli uccisi a Kerbala.
Molti interrogativi si addensano sul nome ma soprattutto sul concetto di martirio di fronte alle sfide del moderno dialogo interreligioso e ai crescenti pericoli di fanatismo: uccisi in nome delle fedi senza parlare di quelli uccisi dalle fedi. Per aiutare in questa riflessione riportiamo qui parte delle relazioni della tavola rotonda su “Il martirio nelle religioni abramitiche” tenuta a Roma per le celebrazioni dell’anniversario del martirio di mons. Oscar Romero il 24 marzo 2006, facendoli precedere da una riflessione della teologa Lilia Sebastiani che, a partire dall’uccisione del sacerdote romano don Andrea Santoro in Turchia (celebrato come “martire dell’ecumenismo”), chiarisce la portata radicale della testimonianza evangelica fino al dono della vita.

Sommario:


    4 Articoli
    • Discepoli della prima ora

      Discepoli della prima ora

      Viaggio nel martirio e nel suo significato profondo. Per imparare a rispettare i martiri. Senza idolatrie né bandiere. Senza strumentalizzazioni.
      Lilia Sebastiani
    • Profeti ridotti al silenzio

      Dio era con Romero al momento del suo assassinio?
      E con gli ebrei morti nella Shoah?
      Interrogativi e riflessioni dal mondo ebraico sul significato di martirio.
      Marc Ellis
    • Il sangue dei martiri

      In pasto alle belve. Martiri per salvare il popolo.
      Rileggiamo il magistero della Chiesa cattolica.
      Mons. Alvaro Ramazzini
    • Vivere senza paure

      Martiri nell’Islam. Significato, parole, testimoni. Il martirio è universale. Perché ovunque vi sono uomini liberi. e con grande sapienza di cuore. Di giustizia.
      Adnane Mokrani

    Ultimo numero

    Il peso delle armi
    DICEMBRE 2018

    Il peso delle armi

    Un dossier di presentazione del sesto Rapporto
    sui conflitti dimenticati a cura di Caritas italiana.
    Quante sono le armi, leggere o pesanti,
    esportate in paesi in guerra e quanti conflitti
    vi sono oggi nel mondo?
    Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

    Ultimi Articoli

    • Basta poco

      14 dicembre 2018 - Tonio Dell'Olio
    • Quale sicurezza?

      13 dicembre 2018 - Tonio Dell'Olio
    • Il peso delle armi
      DICEMBRE 2018

      Il peso delle armi

      Un dossier di presentazione del sesto Rapporto
      sui conflitti dimenticati a cura di Caritas italiana.
      Quante sono le armi, leggere o pesanti,
      esportate in paesi in guerra e quanti conflitti
      vi sono oggi nel mondo?
    • La lunga strada
      DIRITTI

      La lunga strada

      Nel settantesimo compleanno della Dichiarazione dei diritti umani, camminiamo verso l’abolizione della pena di morte.
      A che punto siamo?
      10 dicembre 2018 - Nessa Gibbardo (Coordinamento pena di morte Amnesty International Italia)
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.3