Dossier

Dossier
Islam, dialogo, incontro, musulmani, cristiani

I volti dell’islam
A cura di Giorgio Piacentini


Muoversi con intelligenza, responsabilità e apertura verso il futuro nel campo dei rapporti tra l’islam e l’Europa diventa sempre più difficile per le derive di violenza politica in atto. Sul piano delle esperienze di dialogo e di incontro si aprono invece cammini che sembrano rendere possibile l’integrazione.
Il Forum organizzato da Pax Christi a Bari, (cfr. Quaderno di Mosaico di pace n. 16) sulla teologia della liberazione nelle tre “religioni del libro” ha aperto vie inedite di comprensione.
Al Cipax – Centro interconfessionale per la pace di Roma – per due anni un gruppo islamo-cristiano ha organizzato seminari mensili per raccontare storia, storie, luoghi e volti delle diverse esperienze d’incontro tra musulmani e cristiani. Un bel gruppo di persone ha seguito gli incontri, che si svolgevano in un clima di grande amicizia. In questa favorevole situazione il dialogo e l’incontro sono sembrati la naturale conclusione di una lunga storia di allontanamenti e di avvicinamenti.
I testi che seguono sono tratti per lo più dalle trascrizioni delle diverse relazioni. (http:// www.romacivica.net/cipax)
Per rendere in modo autentico il senso che questi incontri hanno trasmesso, ho scelto tre filoni.
Il primo è quello delle testimonianze. La teologa iraniana Shahrzad Housmand, racconta la sua formazione di studiosa dell’islam sciita in Iran, la sua crisi e le sue valutazioni sull’attualità. Il teologo gesuita Thomas Michel ci porta in Turchia, nella città di Konia, patria di Rumi, dove ha vissuto una straordinaria esperienza umana d’incontro con gli uomini e le donne di quella città. Il giornalista e scrittore algerino Amara Lakhous e l’arcivescovo di Algeri Henry Teissier ci parlano infine della difficile ma profetica situazione della presenza cristiana in Algeria.
Il secondo filone è quello del dibattito tra le idee, che affronta il tema delicato e attuale della laicità: esso tocca in profondità sia la cultura cattolica che quella musulmana. Qui si incontrano Filippo Gentiloni, giornalista de “Il manifesto”, Mostafa El Ayoubi, della rivista “Confronti” e Adnane Mokrani giornalista di “Adn Kronos” e teologo.
Infine, per fare il punto della situazione dell’islam italiano, lo stesso Adnane Mokrani, scorre con chiarezza l’agenda dei problemi sul tappeto, aiutandoci ad affrontarli con lucidità per non perdere la speranza e trovare ragioni per la pace.
Le prospettive d’integrazione possono trovare una più facile realizzazione nei Paesi europei dove molti musulmani ora vivono. Questa certamente è una bella sfida per la creatività e il senso di responsabilità di tutti noi.


Sommario:


    3 Articoli
    • Amici d’oltremare

      Testimonianze: squarci di vita quotidiana dal mondo islamico, voci e volti, sguardi differenti eppure tanto simili tra loro nella ricerca dell’Altro.
      S. Houshmand, T. Michel, A. Lakhous, H. Teissier
    • Laicità a tre voci

      Il dibattito sulle idee: la necessità di coniugare la laicità con la storia, sia nel mondo cristiano che islamico. Difficoltà, ritardi, speranze, percorsi.
      F. Gentiloni, M. El Ayoubi, A. Mokrani
    • La coesistenza delle religioni

      Il punto della situazione: l’islam europeo, le sue radici, la sua storia, peculiarità e prospettive di nuove aperture in Italia.
      Adnane Mokrani

    Ultimo numero

    Il peso delle armi
    DICEMBRE 2018

    Il peso delle armi

    Un dossier di presentazione del sesto Rapporto
    sui conflitti dimenticati a cura di Caritas italiana.
    Quante sono le armi, leggere o pesanti,
    esportate in paesi in guerra e quanti conflitti
    vi sono oggi nel mondo?
    Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

    Ultimi Articoli

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.10