Dossier

Dossier

Victor Jara, un fiore tra le mani
L’attualità del cantante cileno
barbaramente ucciso dai militari golpisti:
la sua umanità, i suoi sogni,
i ricordi della moglie,
la ricerca di verità sull’assassinio.
A cura di Rosa Siciliano e Renato Sacco



Soldato non spararmi
non spararmi soldato!
Chi ha appuntato
quelle medaglie
al tuo petto?
Quante vite ti son costate?
Io so che la tua mano trema
non uccidermi
io sono tuo fratello.

    6 Articoli
    • Il poeta dei poveri

      Era molto più che un cantante e un musicista: Victor Jara, nonviolento e poeta, simbolo della resistenza cilena, voce degli oppressi e cantore della speranza negli anni durissimi della dittatura.
      Francesco Comina
    • Voci di lotta

      Nella prefazione a un libro sugli Inti Illimani, tutta la storia e il senso del canto per la libertà cileno. Libertà dalla repressione come dalle ingordigie del capitalismo e del neoliberismo. Che ovunque miete le sue vittime.
      Rodrigo Rivas
    • L’eredità di Jara

      La sua musica e le sue memorie vivono in innumerevoli gruppi e cantanti, in ogni parte del mondo. Viaggio tra ritmi e note musicali.
      Arturo Zilli
    • Una morte atroce

      Lo scorso anno si è celebrato un funerale postumo a Victor. Sono stati tre giorni di commemorazioni. Le analisi di laboratorio sul corpo riesumato hanno confermato la brutalità dell’omicidio.
      Eduardo “Mono” Carrasco
    • Che onore suonare con Victor

      Jara e gli Inti Illimani: suoni, strumenti, note e figure che rappresentano, in musica, il volto resistente dell’America Latina.
      Josè Seves
    • Il mio Victor canto d’amore

      Intervista in esclusiva a Joan, moglie del cantautore cileno barbaramente ucciso: le sue canzoni, il suo spirito di fratellanza, la ricerca di verità, il lavoro della Fondazione, ma anche il Cile di oggi che lascia poche speranze.
      Galo Quintanilla Molina

    Ultimo numero

    Mediterraneo arca di pace?
    GENNAIO 2020

    Mediterraneo arca di pace?

    Un numero speciale, monografico,
    in occasione dell'incontro su
    "Mediterraneo, frontiera di pace",
    organizzato dalla Cei a Bari in febbraio 2020,
    e nello sfondo del messaggio di papa Francesco
    per la Giornata mondiale della Pace,
    "La pace come cammino di speranza:
    dialogo, riconciliazione e conversione ecologica".
    Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

    Ultimi Articoli

    • Disuguaglianze

      20 gennaio 2020 - Tonio Dell'Olio
    • Quando si erode una comunità

      17 gennaio 2020 - Tonio Dell'Olio
    • Pace nel Mediterraneo
      PUGLIA, ARCA DI PACE

      Pace nel Mediterraneo

      L’arco dei forti si è spezzato? Dal documento dei vescovi della metropolia di Bari del 1988 a noi.
      In attesa dell’incontro tra papa Francesco e i vescovi del Mediterraneo, ricordiamo la forte denuncia di allora per confermare scelte di disarmo e di nonviolenza oggi.
      Mons. Giovanni Ricchiuti (Presidente di Pax Christi Italia, vescovo di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti )
    • Il paese dei curdi
      SOLUZIONE NONVIOLENTA DEI CONFLITTI

      Il paese dei curdi

      Chi sono? Quali origini hanno le richieste di autonomia curda?
      Quali violazioni dei diritti sono state compiute?
      Laura Filios (Osservatorio Diritti (www.osservatoriodiritti.it))
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.31