Dossier

Dossier

I nuovi passi dell’Europa
Atti del Convegno del Centro Studi
Economico-Sociali per la Pace di Pax Christi
(Casa per la Pace, Tavarnuzze, 1-2 luglio 2016)
A cura di Siriana Farri, segretaria del Centro Studi


“Che cosa ti è successo,
Europa umanistica,
paladina dei diritti dell’uomo,
della democrazia e della libertà?”.
La domanda di papa Francesco
anima un confronto quanto mai attuale
in un seminario promosso dal Centro Studi
Economico-Sociali per la Pace
di Pax Christi.
Sul tavolo i drammi del nostro tempo,
le guerre, l’esportazione di armi,
le migrazioni forzate. E l’incapacità dell’Europa di dare corpo ai sogni dei suoi fondatori. Quali politiche sono possibili per ricreare un’Europa unita e sovrana, giovane e feconda?


    6 Articoli
    • L’Europa per la pace

      La nostra casa comune, i dramma dei migranti, il referendum in Gran Bretagna e le prospettive future. Dove va l’Europa?
      Franco Dinelli
    • Nuovi semi di fraternità

      L’Europa di fronte alle grandi e difficili sfide del nostro tempo e alla necessità di ricostruire un tessuto sociale e umano più fraterno e solidale.
      Mons. Luigi Bettazzi
    • Un’Europa civile e sicura

      Misericordia vuol dire disarmo. Con l’obiettivo di ricostruire l’Europa unita e disarmata, l’invito è di ripartire, insieme, sulle strade della giustizia indicate da Francesco.
      Sergio Paronetto
    • Terra di approdi

      Flussi migratori in Europa: cause e prospettive.
      Confini, frontiere, migrazioni, rotte e politiche migratorie.
      Paolo Beccegato
    • Armati sino ai denti

      Scenari geopolitici e commercio di armi: tra guerre, conflitti di diversa intensità e iniqua distribuzione delle risorse, viviamo in un’era del caos.
      Cosa accade?
      Maurizio Simoncelli
    • Europa, missione incompiuta!

      Le contraddizioni dell’Europa, i passi, le paure, le fatiche.
      E davanti a tutto, il grande sogno di un’unione che non può venire meno.
      Romano Prodi

    Ultimo numero

    Con una matita in mano
    FEBBRAIO 2018

    Con una matita in mano

    La politica deve ritrovare il suo spazio.
    Nell’antica “agorà”, luogo privato e pubblico al tempo stesso, l’uomo occidentale potrà tornare a interrogarsi e le sofferenze private potranno essere finalmente pensate e vissute come problemi condivisi, comuni e politici.
    Zygmund Bauman
    abbonatiscrivi ad alexscrivi alla redazione

    Ultimi Articoli

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.5.7