Dossier

Dossier

La guerra silenziosa
per i diritti umani

A cura di Lorena Cotza
e Francesco Martone


Human Rights Defenders:
in tante parti del mondo uomini e donne
rischiano la vita o la prigionia,
sono torturati difendere i diritti
delle persone e dei popoli.
Sono i difensori dei diritti umani.
Nasce anche in Italia una rete
di Associazioni li difendono.
A tutti è chiesto il coraggio
di schierarsi.
Dalla parte dei diritti, appunto.


    5 Articoli
    • Human Rights Defender

      Dalla parte di chi difende i diritti umani.
      Muoiono, subiscono violenze in tante parti del mondo.
      Nasce così una rete per difenderli.
      Per essere, tutti insieme, dalla loro parte.
      A cura di Francesco Martone
    • Colombia: quale pace?

      Dall’accordo di pace tra i ribelli delle Farc e il governo a oggi.
      Le violenze, in Colombia, proseguono.
      Spesso per mano dei paramilitari.
      Ma le comunità locali resistono.
      E difendono il loro diritto alla terra e alla vita.
      Lorena Cotza
    • Dalla parte dei difensori

      Prima con la dichiarazione sui difensori, poi con l’istituzione di un Relatore Speciale Onu sui difensori e le difensore dei diritti umani: l’Onu si schiera dalla loro parte. Intervista esclusiva a Michel Forst, Relatore Speciale ONU sui difensori/e dei Diritti Umani.
      Intervista a cura di Lorena Cotza
    • L’agenda internazionale

      Perché è importante mettere la questione degli human rights defenders al centro dell’agenda OSCE? Il quadro in alcune Regioni è particolarmente preoccupante.
      Corallina Lopez Curzi
    • Un aiuto importante

      Come proteggere tutti coloro che operano per la pace e i diritti di tutti?
      Esistono, in più parti del mondo, strumenti di protezione per difensori/e dei diritti umani. Uno fra tutti, la temporary relocation. E in Italia?
      A cura di Rete In Difesa di

    Ultimo numero

    Mediterraneo arca di pace?
    GENNAIO 2020

    Mediterraneo arca di pace?

    Un numero speciale, monografico,
    in occasione dell'incontro su
    "Mediterraneo, frontiera di pace",
    organizzato dalla Cei a Bari in febbraio 2020,
    e nello sfondo del messaggio di papa Francesco
    per la Giornata mondiale della Pace,
    "La pace come cammino di speranza:
    dialogo, riconciliazione e conversione ecologica".
    Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

    Ultimi Articoli

    • Quando si erode una comunità

      17 gennaio 2020 - Tonio Dell'Olio
    • Pace nel Mediterraneo
      PUGLIA, ARCA DI PACE

      Pace nel Mediterraneo

      L’arco dei forti si è spezzato? Dal documento dei vescovi della metropolia di Bari del 1988 a noi.
      In attesa dell’incontro tra papa Francesco e i vescovi del Mediterraneo, ricordiamo la forte denuncia di allora per confermare scelte di disarmo e di nonviolenza oggi.
      Mons. Giovanni Ricchiuti (Presidente di Pax Christi Italia, vescovo di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti )
    • Il paese dei curdi
      SOLUZIONE NONVIOLENTA DEI CONFLITTI

      Il paese dei curdi

      Chi sono? Quali origini hanno le richieste di autonomia curda?
      Quali violazioni dei diritti sono state compiute?
      Laura Filios (Osservatorio Diritti (www.osservatoriodiritti.it))
    • Occhi di donna
      CONVERSIONE ECOLOGICA

      Occhi di donna

      Laudato Si’ al femminile. Servono nuovi sguardi, cammini creativi per uno sviluppo integrale, che includa armoniosamente ogni persona.
      Paola Cavallari (Osservatorio interreligioso sulle violenze sulle donne - https://www.oivd.it)
    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.31