Dossier

Dossier

Capitini, maestro di nonviolenza
A cura di Fabrizio Truini

A cinquant’anni dalla morte
di Aldo Capitini,
ripercorriamo il pensiero
e ricostruiamo il profilo del padre
della nonviolenza in Italia.
Libero pensatore,
uomo della religione aperta
e convinto assertore
della omnicrazia,
Capitini è stato un intellettuale
e uomo di azione nello stesso
tempo, poliedrico e controcorrente.
Ma, soprattutto, nonviolento.
Ne parlano, in queste pagine,
illustri firme della nostra cultura
contemporanea.



    5 Articoli
    • Maestro di nonviolenza

      Nel cinquantesimo anniversario della sua morte, ricordiamo Aldo Capitini, fondatore del Movimento Nonviolento. Quali sono le radici del suo pensiero?
      Mao Valpiana
    • La realtà di tutti

      La filosofia di Aldo Capitini, testimone della realtà liberata.
      Roberto Mancini
    • I confini della libertà

      Unità e diversità, religioni e libertà: il pensiero religioso del leader nonviolento e le sue aperture profetiche.
      Mariano Borgognoni
    • Tutti attori di futuro

      Aldo Capitini come pedagogista ed educatore: qual è stato il suo messaggio e la sua proposta? Quale rilevanza nell’attuale panorama italiano?
      Daniele Novara, Laura Beltrami
    • Il Gandhi italiano

      La nonviolenza può divenire metodo e oggetto di un serio progetto politico.
      Laura Bordini

    Ultimo numero

    Rigenerare l'abitare
    MARZO 2020

    Rigenerare l'abitare

    Dal Mediterraneo, luogo di incontro
    tra Chiese e paesi perché
    il nostro mare sia un cortile di pace,
    all'Economia, focus di un dossier,
    realizzato in collaborazione
    con la Fondazione finanza etica.
    Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

    Ultimi Articoli

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.36