Dossier

Dossier

Solo un ponte... ci salverà
A cura di Francesco Comina

“Quando gli angeli si accorsero
che gli sventurati uomini
non potevano superare i burroni 
e gli abissi per svolgere le loro attività, 
al di sopra di quei punti spiegarono 
le loro ali e la gente cominciò a passare
su di esse. Per questo la più grande
buona azione è costruire un ponte”
(Ivo Andrić). 
Il ponte è simbolo di comunicazione
e dialogo, opera d’ingegneria
che connette comunità separate.
Il ponte fa la storia. 
La determina. 
Supera le frontiere e i rancori.
Ma quando arriva la guerra, deflagra,
allontana, ferisce. 
Un dossier sui ponti, quelli che crollano e quelli che uniscono.
Da Mostar a Genova, dalle opere di ingegneria ai Corridoi umanitari. 


    6 Articoli
    • Al di là del fiume

      I ponti sono nati per unire e mescolare, ecco perché i sovranisti li odiano.
      Permettono i passaggi e fanno la storia come ci racconta Ivo Andrić
      nel suo capolavoro Il ponte sulla Drina.
      Francesco Comina
    • Il tonfo di Genova

      Nell’agosto del 2018 il boato che annunciava il crollo del ponte Morandi ha sconvolto il mondo. Oltre ai morti e ai feriti è andato in cortocircuito tutto un sistema.
      Mariangela Pirami
    • Cos'è un ponte?

      Elemento di collegamento fra due margini separati, accorcia, riduce, consente il transito da una riva all’altra unendo i rivali, gli abitanti del rivo...
      Gabriella Zanetti
    • Quel giorno ero lì

      Intervista al giornalista Dario Terzić, uno dei testimoni della distruzione del ponte-simbolo di Mostar: “Ora lavoro perché la mia città diventi capitale
      della cultura europea nel 2024”.
      Intervista a cura di Genny Losurdo
    • Il tirante che non tiene

      Come il ponte Morandi a Genova è caduto per cause strutturali così la spietatezza al potere cederà e farà deflagrare tutto il sistema di potere cinico e arrogante a cui si appoggia.
      Raniero La Valle
    • I ponti di umanità

      Raduan, Badheea e gli altri 2699, salvati dalla morte grazie ai Corridoi umanitari e ai ponti aerei che li hanno portati in Europa senza passare nell’inferno del mare...
      Mattia Civico

    Ultimo numero

    Ponti
    SETTEMBRE 2019

    Ponti

    Quando gli angeli si accorsero che gli sventurati uomini
    non potevano superare i burroni e gli abissi
    per svolgere le loro attività, al di sopra di quei punti
    spiegarono le loro ali e la gente cominciò a passare su di esse.
    Per questo la più grande buona azione è costruire un ponte.
    Ivo Andrić
    Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

    Ultimi Articoli

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.26